Star Trek Beyond, Carlo Ancelotti e il doppiaggio italiano

Cosa c’entra l’ex centrocampista della Roma e del Milan con il doppiaggio di Star Trek? Niente: eppure…

È uscito, anche nelle edicole, il numero 186 della rivista Inside Star Trek Magazine, con all’interno un mio articolo sul lavoro svolto per la supervisione al doppiaggio italiano di Star Trek Beyond. Come di consueto, insieme a Gabriella Cordone, abbiamo supervisionato tutte le fasi del doppiaggio per lo Star Trek Italian Club, dall’adattamento fino alla verifica del mix finale. All’interno dell’articolo, anche due dettagliate interviste alle due principali voci ospiti di questo nuovo film: Ilaria Latini che interpreta Jayla e Roberto Draghetti che interpreta Krall (tutti i doppiatori dei personaggi principali furono già intervistati in occasione dell’uscita del film del 2009).

Ma cosa c’entra Carlo Ancelotti in tutto questo? Non molti ne sono a conoscenza, ma l’allenatore del Bayern Monaco è un grande appassionato di Star Trek. Non solo: ha anche avuto la fortuna di avere una breve apparizione, un cameo, proprio in Star Trek Beyond. La news fu annunciata nell’Ottobre 2015, durante le lavorazioni del film (qui l’articolo della Gazzetta dello Sport). Infatti, l’attuale moglie di Ancelotti, la canadese Mariann Barrena McClay, è una grande amica di Zoe Saldana, l’interprete del tenente Uhura nel film. Ancelotti con la moglie vivono proprio a Vancouver in Canada, dove sono stati girati tutti gli interni di Star Trek Beyond, per cui durante le riprese ad Ancelotti  è stata offerta una piccola apparizione nel film.

Fotomontaggio pubblicato quando fu resa nota la news.

E cosa c’entra con il doppiaggio italiano? In una delle mie varie visite in sala di doppiaggio ho raccontato questa curiosità allo staff che si stava occupando del lavoro, suscitando l’entusiasmo del direttore di doppiaggio, Massimiliano Manfredi (voce italiana tra gli altri di Orlando Bloom ed Edward Norton), grande fan di Ancelotti. Da quel momento si è aperta la “caccia a Carletto”. In ogni scena abbiamo cercato di scovare dove fosse finito Ancelotti. Durante il doppiaggio di un film ciascuna scena viene provata e doppiata diverse volte, per cui a fine lavoro è come aver visto il film almeno una cinquantina di volte. E se è vero che i doppiatori vedono solo le scene che li riguardano, il direttore, l’assistente e il fonico (ed eventuali altre persone coinvolte) vedono tutte le scene. A fine lavoro è stata organizzata, come di consueto, una proiezione di verifica dell’intero film. Quella è la prima volta in cui tutti assistono (o meglio sentono) il doppiaggio italiano completo, con tutte le voci al loro posto. In quell’occasione in sala eravamo in sei: abbiamo visionato tutto il film, ma nessuno di noi è riuscito a scorgere traccia di Carlo Ancelotti. Sapevamo, dalla news data che avrebbe dovuto trovarsi a bordo dell’Enterprise, presumibilmente in infermeria, ma nessuno dei personaggi del film sembrava assomigliarli anche vagamente.

LEGGI  Dietro le quinte di Alien

Alla fine ci siamo convinti che doveva essersi verificata una delle seguenti ipotesi:

  1. Le sue scene alla fine erano state tagliate (succede sempre che alcune scene vengano scartate dal montaggio finale di un film).
  2. Interpretava un alieno con un make-up tale che era impossibile riconoscerlo.
  3. Era talmente sullo sfondo che non era comunque riconoscibile.

Poco dopo dimenticai la faccenda, tanto che, anche quando poi ho visto il film al cinema avevo ormai rinunciato a scovare Ancelotti. Avevo però sottvalutato la tenacia dei trekker, gli appassionati di Star Trek. Migliaia di occhi hanno scrutato il film finché alla fine, Manuel Castiglioni, un fan italiano di Star Trek, è riuscito a trovarlo, pubblicando la sua scoperta sul gruppo Facebook dello Star Trek Italian Club.

E in effetti non era semplice: Ancelotti compare solo per pochi fotogrammi, ovviamente non ha alcuna battuta e la sua immagine è molto scura e in movimento per cui è davvero difficile scorgerlo. Non è a bordo dell’Enteprise, come ci aspettavamo, bensì sulla stazione spaziale Yorktown. Questa è la scena in cui compare.

Lo vedete? No? Avevo detto che era difficile. Qui di seguito ho indicato esattamente dove si trova schiarendo molto l’immagine.

E così un altro piccolo mistero Trek è stato risolto grazie ai fan. Qui l’estratto di una sua intervista in cui parla proprio di questa esperienza.

Tra l’altro quella di Carlo Ancelotti non è la prima occasione in cui un nome importante italiano compare in Star Trek. Una vicenda simile si era verificata anche per Star Trek – L’insurrezione nel quale per pochi fotogrammi compare Lorella Cuccarini fuori fuoco.

LEGGI  Che cos’è la STARCON?