Le scene di Alien Covenant mostrate in anteprima all’Alien Day

Il 26 Aprile è stato l’Alien Day e per l’occasione sono state mostrate in anteprima alcune scene di Alien Covenant.

Che cos’è l’Alien Day

Innanzi tutto la data: l’Alien Day cade il 26 Aprile, ovvero il 26/4 che in inglese è 4/26, in omaggio al nome del satellite LV-426, conosciuto anche come Acheron, dove sono ambientati il primo e il secondo Alien. Giusto per dirimere una convinzione errata che si è diffusa dall’uscita di Prometheus, LV-426 non è lo stesso satellite che si vede in quest’ultimo film (che invece è designato con la sigla LV-223), ma sono entrambi satelliti dello stesso gigante gassoso, il pianeta Calpamos. Tornando all’Alien Day, un evento è stato organizzato per la prima volta nel 2009, dalla Dark Horse Comics, la casa editrice americana che pubblica i fumetti di Alien, per promuovere le nuove pubblicazioni a fumetti della saga dopo una pausa di 10 anni. Successivamente a partire dal 2016, la Fox, detentrice dei diritti di Alien, ha rilanciato l’evento, organizzando il primo Alien Day ufficiale. In occasione dell’Alien Day del 2016 furono presentate diverse nuove uscite legate all’universo di Alien, libri, fumetti, e anche l’audio storia in 10 episodi Alien – Out of the Shadow, successivamente “doppiata” anche in italiano con il titolo Alien – Oltre l’oscurità. Nello stesso giorno sono state organizzate proiezioni negli USA, in UK e in Australia dei primi due film della saga.

L’Alien Day del 2017

Il secondo Alien Day ufficiale ha visto coinvolti più paesi nel mondo tra cui anche l’Italia, con una proiezione in contemporanea in 6 città: Roma, Milano, Firenze, Modena, Torino e Bari. Come l’anno precedente, per l’occasione sono stati annunciati numerosi nuovi prodotti, tra cui la nuova audio storia sequel di Oltre l’oscurità, intitolata Alien – River of Pain, e una nuova avventura interattiva, Alien – Escape, che si terrà al famoso museo delle cere Madame Tussauds di Londra. Per quanto riguarda l’evento vero e proprio, in diversi cinema del mondo sono state organizzate diverse attività extra: da una sessione di domande in diretta streaming con il cast di Alien – Covenant a Los Angeles, a una mostra degli oggetti di scena di quest’ultimo film a Londra. In tutti i cinema coinvolti nell’evento è stato proiettato, preceduto da un’apposita introduzione del regista Ridley Scott, il film originale Alien, in versione director’s cut, seguito da un’anteprima di circa 10 minuti di scene del nuovo Alien – Covenant.

ATTENZIONE SPOILER

LEGGI  Il primo film di fantascienza nella storia del cinema

Quella che segue è la descrizione delle scene mostrate in anteprima di Alien – Covenant.

Se non volete avere anticipazioni sul film non proseguite con la lettura.

Alla fine del film un nuovo videomessaggio di Ridley Scott introduce le scene in anteprima di Alien Covenant. Si tratta di tre diversi segmenti, collocati in punti diversi. Il primo segmento in realtà è il cortometraggio “The Crossing”, una sorta di prologo ad Alien Covenant che appare piuttosto slegato dal film. Il prologo narra cosa è successo alla fine del precedente Prometheus. Il corto è stato rilasciato contemporaneamente su YouTube, per cui è pubblicamente disponibile. In “The Corssing” apprendiamo che la dottoressa Elizabeth Shaw (sempre interpretata da Noomi Rapace) riesce a ripristinare l’androide David (Michael Fassbender), fatto a pezzi alla fine di Prometheus, e insieme guidano la nave aliena al pianeta natale degli Ingegneri. Il corto si chiude proprio con l’arrivo della nave sul pianeta ed è possibile vedere un piccolo assaggio della società degli Ingegneri che hanno creato l’umanità. Nella sua introduzione Scott dice che The Corssing è ambientato dopo Prometheus (ovviamente) e all’inizio di Alien Covenant, ma è possibile che non faccia parte del film, essendo solo destinato alla pubblicazione on-line.

Il secondo segmento proiettato presumibilmente è una scena all’inizio del film e mostra l’avvicinamento della Covenant a un pianeta. Una volta entrati in orbita, il Lander 1 viene sganciato dalla nave madre per atterrare sulla superficie, in una sequenza molto simile a quella di Aliens – Scontro finale. Durante la sua discesa tuttavia il Lander si imbatte in un forte turbolenza, tanto da perdere il contatto con la Covenant. La scena si conclude con il Lander che riesce ad uscire senza danni dalla turbolenza.

LEGGI  Quando i dinosauri si mordevano la coda

 

L’ultimo segmento è decisamente più corposo e interessante: si apre con una comunicazione tra la squadra a terra e la Covenant nella quale viene riferito che un membro della squadra, Ledward (Benjamin Rigby), è stato contaminato ed è ferito. La squadra a terra è divisa in due gruppi e il primo gruppo rientra a bordo del Lander 1, trasportando immediatamente il ferito in infermeria, senza seguire le procedure di quarantena. Tuttavia una volta entrati, Faris (Amy Seimetz), chiude dentro Ledward e Karine (Carmen Ejogo), malgrado quest’ultima la supplichi di riaprire la porta. Faris chiama Oram (Billy Crudup) a capo della squadra per chiedergli aiuto. La seconda squadra si trova ancora distante dal Lander 1 e sta rientrando, anche loro però trasportano un ferito. Faris torna all’infermeria e tra le urla disperate di Karin assiste attraverso l’oblò alla fuoriuscita di una creatura da Ledward. L’alieno fuorisce dalla schiena e assomiglia alla creatura che si vede nel finale Prometheus. Cammina a quattro zampe e ha le dimensioni di un cane. Faris avvisa dell’accaduto l’altra squadra, ma sono ancora lontani dal Lander e il segnale non è buono. Nel frattempo Karin in infermeria cerca di difendersi dalla creatura con un pugnale, ma viene aggredita e uccisa. Faris a questo punto rientra in infermeria armata di fucile, ma scivola sul sangue sparso sul pavimento e non colpisce l’alieno. Riesce a stento a fuggire, ma l’alieno rompe il vetro dell’oblò e la segue per i corridoi del Lander. Faris, sempre armata di fucile, tenta di colpiro sparando numerosi colpi, finchè inavvertitamente non colpisce un serbatoio che fa esplodere l’intera navetta con tutti coloro che sono a bordo. Proprio in quel momento sopraggiunge la seconda squadra, ma ormai è troppo tardi. Pochi istanti dopo un secondo alieno fuoriesce anche dal ferito trasportato dalla seconda squadra e tra l’orrore dei presenti fugge nel prato.

LEGGI  Un film difficile: Alien 3

L’anteprima si è conclusa qui. Sembrano presenti tutti gli elementi tipici della saga di Alien. Un ritmo molto serrato, scene sanguinolente, contrasti tra i membri dell’equipaggio e un alieno, o meglio più di uno, che sembra inarrestabile. Queste scene stimolano senz’altro il desiderio di vedere il film, con la speranza che sia qualcosa in più di un semplice assemblaggio di scene in qualche modo già viste nella saga.

Video Bonus

Questi sono i due cortometraggi realizzati per Alien Covenant in versione italiana (che include l’introduzione di Ridley Scott) e inglese (nella quale il regista è assente). Il primo, “Prologo”, è quello proiettato in occasione dell’Alien Day precedentemente descritto, mentre il secondo, “L’ultima cena”, mostra l’ultimo pasto dell’equipaggio della Covenant prima di entrare nel criosonno, con un gustoso omaggio all’Alien originale.

Di seguito invece la raccolta completa dei video virali realizzati per Alien Covenant:  i video-saluti dell’equipaggio (solo due nella promozione italiana e cinque in originale) e il video per presentare il nuovo modello di androide “David”.

Alcuni video extra legati ad Alien Covenant: il promo dell’Alien Day, il promo dell’esperienza interattiva Alien Covenant – In Utero e lo spot per Audi.

La storia della saga

1. Dietro le quinte di Alien

2. La storia di Aliens – Scontro finale

3. Un film difficile: Alien³